Elezoni RSU 2018 – Risultati nazionali COBAS Pubblico Impiego

Dalla Federazione nazionale dei COBAS Pubblico Impiego una lettura dei risultati delle elezioni RSU 2018

 

I Cobas del Pubblico Impiego crescono nelle Asl e negli ospedali, mantengono e si rafforzano negli Enti Locali e nei Ministeri, con aumento di voti e delegati RSU.

Pur in pieno regime di apartheid  sindacale, con agibilità e diritti inesistenti, senza nessuno spazio e diritto di parola e senza la possibilità di confronto con i lavoratori e lavoratrici nelle assemblee, il cui diritto da sempre ci è negato, e nonostante gli ultimi pessimi rinnovi contrattuali, basati su “mollichelle” salariali e inasprimento di norme disciplinari e giuridiche, verso cui i lavoratori si sono assuefatti incondizionatamente, i Cobas del Pubblico Impiego, in questa tornata elettorale, tengono dove sono presenti e rafforzano il loro insediamento. Senza dimenticare poi l’accentramento spudorato delle sedi RSU a livello territoriale,  confermato anche in questo appuntamento elettorale da Aran e sindacati, che ha reso molto difficile la raccolta delle firme, la ricerca di candidati, l’intervento sindacale quotidiano, divenendo la competizione elettorale super truccata, anche per la prepotente discesa in campo dei sindacati “rappresentativi” che hanno mobilitato tutti i loro apparati burocratici pur di raggiungere il loro obiettivo primario di allargare i loro spazi di rappresentatività che favoriscono permessi, risorse economiche, poltrone.

Nonostante ciò i Cobas del PI hanno confermato le liste RSU e hanno esteso ancora di più la loro presenza nella sanità con un successone all’ASL 10 Toscana Centro (11.500 dipendenti) con 876 voti e 11 delegati RSU, frutto delle lotte e delle iniziative negli ospedali, distretti e strutture territoriali, così pure nelle ASL in Emilia RomagnaSicilia e Napoli, arrivando per la prima volta con voti e delegati RSU negli ospedali di Mantova, San Donà di Piave, Pisa, Pescara e Siracusa, mantenendo la presenza negli enti locali in Piemonte, Toscana, Molise e Sicilia ottenendo risultati straordinari al Comune di Bologna (voti triplicati e seggi raddoppiati), alla Regione Toscana con l’11, 40% di consensi e 5 delegati RSU, al Comune di Roma con aumento di voti e delegati RSU, al Comune di Venezia, nonostante l’intervento del sindaco a favore della Cisl, con un esordio positivo al Comune di San Benedetto del Tronto. Ma i Cobas PI si rafforzano anche al Ministero Economia e Finanze, col raddoppio dei voti e l’aumento dei delegati, approdano per la prima volta agli uffici giudiziari di Torino, al Tribunale e alla Procura e raccolgono un ottimo risultato all’Università di Genova.

Il lusinghiero risultato ottenuto che rafforza i nostri insediamenti sociali ci obbliga ancora di più a proseguire con il massimo impegno l’intervento sindacale nelle amministrazioni in difesa dei servizi pubblici, dei salari, dei diritti, contro tagli, accorpamenti, dismissioni di uffici/enti/ospedali e le pervasive politiche di privatizzazione ed esternalizzazioni. Vanno contrastate le politiche di flessibilità, di precarizzazione dei rapporti di lavoro, la mobilità e i demansionamenti dei lavoratori/trici pubblici, l’appesantimento degli orari dei turni e dei carichi di lavoro e la persistente violazione delle norme sulla salute e sicurezza.

Nonostante le nuove politiche repressive, intimidatorie e autoritarie a danno dei lavoratori per i COBAS si pone il problema dei diritti minimi sindacali (diritto di assemblea e di trattativa) che diventa il primo in agenda, insieme ad una nuova legge sulla rappresentanza sindacale, da sottoporre al prossimo governo…quando si insedierà!!!

La solidarietà a singhiozzo del consigliere Crovato – comunicato del 21 marzo 2018

EGREGIO CONSIGLIERE, TUTTI I LAVORATORI HANNO PARI DIGNITÀ: SOLIDARIETÀ AI LAVORATORI DI COIN

Abbiamo letto con sincero interesse e concordiamo con quanto ha scritto il consigliere Crovato in una recente interpellanza con cui chiede, assieme al consigliere Fiano, che codesta AMMINISTRAZIONE, il sindaco e l’assessore competente prendano in considerazione il futuro incerto dei lavoratori di COIN che non possono essere soggetto passivo di una disputa anche familiare, oltre che economica.

Crediamo che tutti i lavoratori pubblici o privati abbiano pari dignità di trattamento e considerazione, soprattutto in casi così gravi.

Per questo ci sarebbe piaciuto che il consigliere Crovato avesse utilizzato tale solerzia anche per prendere le difese di tanti altri lavoratori che, nella nostra città, stanno vivendo lo stesso dramma e, proprio nella convinzione che il consigliere possa essere del nostro stesso avviso, siamo cortesemente a chiedergli di farsi promotore di ulteriori e analoghe iniziative affinché l’Amministrazione, il Sindaco e l’Assessore al Personale prendano in considerazione anche il presente incerto di tanti altri lavoratori.

Pensiamo agli ex precari del Comune che non possono continuare ad essere soggetto passivo di una disputa pregiudiziale senza che vi siano problemi economici o normativi che oggi ostacolino la loro riassunzione (il d.lgs 75/2017 c.d. “Madia” offre ampie possibilità di intervento), e per i quali chiediamo da mesi che venga predisposto un adeguato piano, anche triennale, che garantisca la riassunzione di tutti e 97 (e non solo dei 37 previsti) gli ex dipendenti del Comune, oggi disoccupati.

Pensiamo, allo stesso modo, ai lavoratori della Fondazione Musei.

Due casi emblematici, che riguardano centinaia di lavoratori, su cui la maggioranza al governo della città, di cui il consigliere Crovato fa parte, avrebbe sicuramente potuto far di più.

Perché riconoscere il primario interesse per il mantenimento del tessuto commerciale e produttivo della città antica, come giustamente scrive il consigliere, significa per noi tutelare tutte le lavoratrici e i lavoratori che in città lavorano e quindi la vivono e la animano.

Il nostro pensiero, la nostra vicinanza e solidarietà vanno oggi anche alle lavoratrici e lavoratori di COIN, con l’augurio sincero che la richiesta del consigliere possa andare a buon fine servendo, magari, da viatico per risolvere anche le altre vertenze sopra citate.

 

Cobas – Lavoratori autorganizzati del Comune di Venezia

 

I Cobas stanno con la Vida – comunicato del 7 marzo 2018

#iostoconlaVidaNon vogliamo spendere più di una parola per criticare il solito, sproporzionato dispiegamento di forze dell’ordine, organizzate su più turni di almeno 80 persone alla volta tra Polizia di Stato, Carabinieri e Finanzieri, “messo in campo” lunedì per provare a mettere fine alla favolosa esperienza condivisa dell’Ex Teatro di Anatomia – Vida. Perché quello che lasciano certe storie non si cancella con uno sgombero o con qualche denuncia. E la Vida è una di queste storie fantastiche, un esempio di volontà popolare nata dal basso.

E per questo motivo, come Cobas – Lavoratori autorganizzati del Comune di Venezia, un sindacato di base nato dal basso, non potevamo che amare questa storia. Alcuni di noi hanno partecipato alla gestione, altri c’erano col pensiero, di sicuro da parte nostra va un grandissimo ringraziamento ed abbraccio a chi ha dato del suo per rendere concretamente più vivibile la città, per renderla migliore contro le logiche schiaccianti di chi la vede ormai morta e irrimediabilmente succube del turismo.

Esperienze come le nostre continueranno ad incrociarsi perché, da questa storia, vediamo un solo vincitore: la Vida e tutta la sua comunità di riferimento – cittadini, studenti, visitatori e abitanti da 0 a 99 anni – che l’ha vissuta con orgoglio e entusiasmo, e che continuerà ad impegnarsi per un’idea di città che condividiamo ed appoggiamo in pieno.

Come gruppo e sindacato abbiamo denunciato più volte come, sotto la falsa scusa del ripianamento del debito pubblico, si sia continuato anche a Venezia a privatizzare luoghi pubblici e a togliere diritti e servizi alla comunità cittadina. In seguito alle nostre vicissitudini sindacali abbiamo imparato a non fidarci minimamente di quest’Amministrazione, che non si è fatta sfuggire occasione per facilitare l’espansione di interessi finanziari e immobiliari, finalizzati a mettere le mani sul patrimonio pubblico, sui servizi pubblici locali, sul territorio. Speriamo di essere smentiti, ma probabilmente anche per la Vida il Comune di Venezia abdicherà al suo compito di portatore degli interessi pubblici e comuni, rispondendo che, in questo specifico caso (ma la lista è lunga), la proprietà non è del Comune.

Noi Lavoratori del Comune di Venezia ci uniamo alla richiesta della comunità della Vida e sollecitiamo la maggioranza che temporaneamente amministra il Comune di Venezia ad agire da subito, seppur in ritardo, per quanto di sua stretta competenza, iniziando da un esplicito rifiuto al cambio di destinazione d’uso dell’ex Teatro a tutti noi caro, per poi arrivare ad un concreto e pieno ripristino delle condizioni per la residenza e dei diritti di cittadinanza a Venezia.

Un’Amministrazione pubblica, sia essa comunale, regionale o statale (e demaniale!), deve infatti decidere da che parte stare: se essere mera esecutrice di processi di espropriazione, in un ciclo senza fine di progressiva sottrazione, formale e sostanziale, anche di spazi di democrazia; oppure, come noi pensiamo, cogliere esigenze e istanze della sua comunità, riconoscersi come prima rappresentante degli abitanti di un determinato territorio e porsi in diretto contrasto con quei processi, riappropriandosi della propria funzione pubblica e sociale.

Noi abbiamo deciso da tempo e stiamo con la Vida. Grazie ancora a tutt*, ci vediamo in campo!

COBAS – Lavoratori autorganizzati del Comune di Venezia

3 febbraio, IN MARCIA PER L’UMANITA’ – Side by Side

COBAS Autorganizzati del Comune di Venezia aderisce alla importante manifestazione Side by Side indetta a Chioggia per il 3 febbraio e invita a partecipare!!

Pulmann in partenza da Venezia, Marghera, Mira

per info:
Venezia (fiancoafiancovenezia@gmail.com)
Dolo/Mira (catarsionlus@gmail.com)
Marghera (VE) sidebysidemarghera@gmail.com

side by side

 

L’appello delle associazioni promotrici
Side By Side
Il 3 febbraio a Chioggia la marcia di chi accoglie e non respinge

“Non c’è mai stata, da quando New York è stata fondata, una classe così bassa e ignorante tra gli immigrati che si sono riversati qui come gli italiani. Rovistano tra i rifiuti nelle nostre strade, i loro bambini crescono in luridi scantinati, pieni di stracci e ossa, o in soffitte affollate, dove molte famiglie vivono insieme, e poi vengono spediti nelle strade a fare soldi nel commercio di strada”.
Queste le parole usate dal New York Times il 5 marzo 1882 per descrivere gli italiani emigrati in America: un popolo di straccioni, criminali, sporchi e superstiziosi.. Fino agli anni Sessanta erano gli italiani che andavano a morire lungo le frontiere. Trentacinque milioni di nostri connazionali emigrati tra il 1876 e il 1975, partiti da tutta l’Italia verso mezza Europa, le Americhe, l’Australia.
Se questa è la nostra storia recente, rileggerla può avvicinarci al presente con uno spirito meno ostile che ci permette di comprendere meglio la migrazione odierna e, ancora di più, la lotta e la fatica per l’integrazione. Ad essere descritti da (alcuni?) media come gli italiani di allora, sono, oggi, i marocchini, i siriani, i somali, gli eritrei, i senegalesi, i maliani, i bengalesi.
Sono loro che rischiano la vita lungo le frontiere d’Europa.
In troppi fanno a gara a contare quanti ne sbarcano, pronti a gridare all’invasione, alimentando ad arte le paure che rendono molto sul piano del consenso elettorale.
Crediamo invece che sia ora di chiederci quanti sono quelli che non sono arrivati. Quanti finiscono seppelliti in fondo al Mediterraneo e ancora più a fondo nell’indifferenza delle coscienze.
Dal 1988 sono morte lungo le frontiere dell’Europa almeno 27.382 persone, di cui 4.273 soltanto nel 2015 e 3.507 nel 2014. Il dato è aggiornato al 2 febbraio 2016 e si basa sugli incidenti documentati dalla stampa internazionale negli ultimi trent’anni. Il dato reale potrebbe essere molto più grande. Nessuno sa quanti siano i naufragi di cui non abbiamo mai avuto notizia. Lo sanno soltanto le famiglie dei dispersi, che, dal Marocco allo Sri Lanka, si chiedono da anni che fine abbiano fatto i loro figli partiti per l’Europa e mai più tornati.
Ci chiediamo perché i governi non predispongano canali legali di uscita dal proprio paese e di
ingresso in un altro.
Ci chiediamo perché i governi, a cominciare dal nostro, stringano accordi con alcuni stati africani – tra cui la Libia – per respingere i migranti costretti così a subire trattamenti (torture, violenze, stupri) disumani e degradanti di cui tutti noi siamo a conoscenza e che sollevano la
nostra indignazione.
Ci chiediamo perché l’accoglienza sia ancora legata a criteri emergenziali – non di rado di tipo speculativo – anziché articolata su prospettive e tempi di lungo respiro che permettano di guardare al futuro all’interno di una cornice di serena e seria integrazione.
Ci accorgiamo inoltre che nel nostro paese diventano sempre più restrittive le norme relative al riconoscimento della protezione internazionale e/o di altri permessi: alla già pessima legge Bossi-Fini si aggiunge il recente decreto Minniti-Orlando. Ci chiediamo se tutto ciò non allargherà a dismisura il numero dei migranti irregolari, privi di qualsiasi diritto e dunque facilmente ricattabili. Temiamo che l’esito di queste politiche vada nella direzione
sopra descritta.
Ci chiediamo perché, dopo anni di esperienza e di osservazione, non si siano ancora individuate e attivate modalità di accoglienza diffusa che avrebbero il grande vantaggio, non solo di includere gli stranieri nel tessuto sociale, ma anche quello di smorzare e superare gradualmente le paure più diffuse in alcuni strati popolari.
Eppure esperienze e modalità di accoglienza diffusa e di inclusione sociale esistono già in diverse realtà del nostro paese ed altre ancora che possono esser pensate e sperimentate.
Segno che c’è un’umanità che non si rassegna ad una narrazione fatta solo di respingimenti, esclusione ed intolleranza. Un’umanità che lo scorso marzo ha camminato insieme, fianco a fianco, per le calli di Venezia e che crediamo debba ancora una volta riprendere corpo e parola.
Per questo vorremmo proporre di ritrovarci il 3 febbraio a Chioggia, ancora una volta Side by Side per una giornata di incontro e di mobilitazione regionale per i diritti dei migranti e per esigere una buona accoglienza diffusa e per rivendicare il diritto per ogni essere umano a vivere una vita dignitosa e libera dal bisogno.

I COBAS contro il Fiscal-compact

BASTA AUSTERITA’ FERMIAMO IL FISCAL COMPACT

firma la petizione su  http://www.stopfiscalcompact.it/

 

Per riaprire la discussione su un’Europa oltre Maastricht, per eliminare il pareggio di bilancio dalla Costituzione, per sostenere l’avvio di una Commissione indipendente d’indagine sul debito pubblico italiano.

A fine 2017, cinque anni dopo la sua approvazione, il Fiscal Compact (Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’unione economica e monetaria), potrebbe essere inserito nell’ordinamento giuridico europeo, divenendo giuridicamente superiore alla legislazione nazionale e rendendo irreversibili le politiche liberiste d’austerità.

Il Fiscal Compact, infatti, proseguendo la linea tracciata da Maastricht in poi, assume la trappola del debito pubblico come cornice indiscutibile dentro la quale costruire la gabbia per i diritti sociali e del lavoro e la privatizzazione dei beni comuni. Basti pensare che se dovesse essere confermato, il Fiscal Compact prevederà per il nostro Paese l’obbligo nei prossimi 20 anni a portare il rapporto debito-Pil dall’attuale 132% al 60% con un taglio annuale della spesa pubblica di 50 miliardi.

A questo d’altronde mira l’inserimento del “pareggio di bilancio” in Costituzione, previsto dal Fiscal Compact ed eseguito dal Parlamento italiano, senza alcun referendum popolare, nel 2012.

Si tratta della definitiva consegna di tutto ciò che ci appartiene agli interessi delle grandi lobby finanziarie, nonché di una definitiva sottrazione di democrazia, con scelte politiche ed economiche non più dettate dalla discussione democratica, bensì dagli algoritmi monetaristi.

Ma tutto questo può essere fermato: entro fine anno i Parlamenti nazionali devono discutere e decidere il destino del Fiscal Compact. Per questo vi proponiamo di firmare la seguente petizione popolare: per dire in tante e tanti che il Fiscal Compact va fermato, per riaprire la discussione per l’eliminazione del pareggio di bilancio dalla Costituzione e per sostenere l’avvio di una Commissione indipendente d’indagine sul debito pubblico italiano che ne verifichi la legittimità.

Perché le nostre vite  vengono prima del debito, i nostri diritti prima dei profitti e il “comune” prima della proprietà.

Assolti o non assolti, tutti coinvolti – comunicato CobasVenezia 15 settembre 2017

Con la sentenza emessa ieri dal Tribunale di Venezia si chiude una parte importante dell’inchiesta penale sul sistema MOSE.

Al di là delle motivazioni che hanno portato alle condanne o alle assoluzioni degli imputati, quello che emerge da tutta questa vicenda è che il MOSE e il monopolio del Consorzio Venezia Nuova sono stati l’architrave sul quale è stato costruito negli anni un vero e proprio sistema di potere; un blocco politico e economico, spesso malavitoso e fraudolento, che grazie alla corruzione sistematica e alla redistribuzione pilotata di ingenti finanziamenti pubblici è stato in grado di impossessarsi del controllo della Regione e di Venezia.

Questa grande opera, nata a parole per salvare la Città dalle acque alte, l’ha invece fatta sprofondare nel fango. Non si tratta solo della vergogna per lo scandalo, ma piuttosto del degrado culturale, politico e etico che ha avvelenato l’intera Città lagunare, fino da ultimo a spalancare le porte del suo governo a un Sindaco inqualificabile come Luigi Brugnaro.

Il MOSE, oltre che un’opera mostruosa il cui funzionamento ed efficacia sono ancora tutti da dimostrare, è stato ed è una vera e propria “mangiatoia” presso la quale si sono riforniti in tanti. Che questo sia avvenuto in modo lecito o illecito fa poca differenza; la responsabilità politica di chi ha costruito o sostenuto un sistema così perverso in grado di sottrarre miliardi di euro pubblici che avrebbero potuto e dovuto essere impiegati per risolvere i veri problemi della Città e del suo territorio, rimane incancellabile. Ed è una responsabilità che sta in capo sia al centro-destra che al centro-sinistra.

L’inchiesta e la sentenza ribadiscono questa verità, ma certo non rendono giustizia ai tanti veneziani e ai tanti lavoratori costretti ora a pagare un conto troppo salato in termini di tasse, tagli ai servizi, licenziamenti, riduzione dei salari.

 

CobasVenezia

Brugnaro fatti vedere…ma da uno bravo!!! e intanto mercoledì in Consiglio con risposte convincenti!

Car* collegh*,
nelle ultime settimane abbiamo visto che l’atteggiamento sprezzante e autoritario del Sindaco sta lasciando dietro di sé delle pesanti macerie, prima di tutto sulle spalle dei lavoratori, verso i quali porta avanti una guerra ideologica e cialtrona, ma che stà iniziando a pesare anche sui cittadini che si ritrovano con sempre meno servizi e una progressiva privatizzazione e svendita del patrimonio comune.
Negli ultimi giorni si sono aggiunte proposte di organizzazione del lavoro campate per aria, polemiche pretestuose per nascondere l’approssimatività organizzativa, insulti ai vigli urbani, clamorose situazioni di conflitto d’interesse e la chiusura degli uffici dell’anagrafe (dando sempre la colpa ai lavoratori!).

Brugnaro...chi l-ha vistoORA BASTA! Brugnaro fatti vedere …ma da uno bravo!!!
Prima però presentati al Consiglio Comunale di mercoledì 26 con #risposteconvincenti.

Noi lavoratori ci saremo: decisa all’unanimità (di quelli che ancora non si sono prostrati al padroncino di turno) l’RSU invita tutti i colleghi a presentarsi a Ca’ Farsetti mercoledì 26 luglio alle ore 15 per far sentire alla maggioranza fucsia la propria rabbia e la richiesta di rispetto della propria dignità di lavoratori!

Ricapitoliamo le questioni ancora aperte della vertenza sindacale:
rispetto del voto democratico dei lavoratori che ha respinto il contratto decentrato e riapertura del tavolo di trattativa (invece di aspettare, a spese del Comune, che lo costringa un giudice per comportamento antisindacale!)
risposte concrete per i precari lasciati a casa (non quelle farloccate sui vigili-robocop ma quegli ex-colleghi che lavoravano veramente al servizio dei cittadini… e rimangiandosi il vergognoso ricatto sull’anticipo del TFR in cambio della rinuncia al possibile riconoscimento giudiziario dei propri diritti!!!)
– una discussione vera sulla riorganizzazione e sulla tenuta dei servizi ai cittadini (compreso un ragionamento serio sugli incentivi per far funzionare quello che effettivamente serve alla città…altro che idee vincenti!)

VEDIAMOCI MERCOLEDÌ 26 ALLE ORE 15 IN CONSIGLIO COMUNALE A CA’ FARSETTI PER FAR SENTIRE LA NOSTRA VOCE!!!

Cobas – Lavoratori autorganizzati del Comune di Venezia

Presido al Consiglio Comunale, Ca'Farsetti mercoledì 26 luglio 2017 ore 15

 

 

Noi non abbiamo paura! – solidarietà al delegato RSU Cobas della TIM TELECOM

IMG-20170504-WA0001Alla vigilia della manifestazione nazionale dei lavoratori TIM Telecom a Milano, un delegato RSU dei Cobas riceve un provvedimento disciplinare con minaccia di licenziamento per un suo intervento alla Camera durante l’audizione presso le Commissioni parlamentari riunite che è stato giudicato “lesivo dell’immagine dell’azienda”. Sarà perché oggi c’è l’assemblea degli azionisti?

I Cobas del Comune di Venezia auspicano che la vicenda si risolva nel migliore dei modi ed esprimono la loro solidarietà ai lavoratori e lavoratrici TIM Telecom in lotta.

 

Il comunicato dei COBAS TIM (scarica il PDF, 199 KB)

CATTANEO, MICHELI….NON CI FATE PAURA !
Proprio mentre ci apprestiamo a partecipare allo sciopero intero turno indetto per il 4maggio e alla manifestazione nazionale di ROZZANO, convocata da tutte le OO.SS.di opposizione in occasione della assemblea degli azionisti, UN NOSTRO RAPPRESENTANTE SINDACALE E’ STATO OGGETTO DI UNA GROTTESCA CONTESTAZIONE DISCIPLINARE A SEGUITO DELL’INTERVENTO TENUTO PRESSO LA CAMERA DURANTE L’AUDIZIONE INNANZI ALLE COMMISSIONI PARLAMENTARI RIUNITE (9 -10 – 11) il 15 Marzo scorso.
Un incontro trasmesso via streaming e del quale tutti e tutte hanno potuto ascoltare
i contenuti espressi dal nostro rappresentante sindacale in nome e per conto dei
COBAS.
La contestazione disciplinare è un maldestro tentativo del CDA di TIM per nascondere la verità ed esacerbare ulteriormente il clima, attraverso l’annullamento degli spazi democratici in AZIENDA.
Le carte sono scoperte da tempo: da un lato una dirigenza che punta a raggiungere spregiudicatamente i propri obiettivi, dall’altra un importante movimento di lavoratori e lavoratrici che si sta battendo per difendere diritti,dignità salario.
Non abbiamo paura. Non la abbiamo mai avuta e risponderemo in tutte le sedi a
questo irricevibile tentativo di intimidazione.
Un abbraccio solidale al nostro rappresentante RSU. UNITI SI VINCE !
Roma 4 maggio 2017
COBAS TIM

Noi stiamo con le maestre! – comunicato del 4 maggio 2017

basta-mafalda-876x1024Gli educatori ed educatrici di vari nidi del Comune di Venezia si rifiutano di scendere a patti con questa amministrazione: in una lettera indirizzata alla Direttrice affermano infatti che non parteciperanno all’Internido (riunione periodica degli operatori e del Servizio educativo nella quale si coordinano le modalità organizzative) di martedì 2 maggio in quanto ritengono inutile un confronto su temi “inerenti i nostri servizi dei quali voi dimostrate giornalmente di non conoscere la fragilità“.

La presa di posizione è molto chiara; la lettera continua sostenendo che “i nostri nidi stanno vivendo una fase di impoverimento qualitativo e di demolizione strutturale di cui voi siete gli unici responsabili.

Tutte le scelte finora fatte sono state prese unilateralmente negando un dialogo aperto, boicottando la disponibilità ad un confronto con professionisti che questi servizi li hanno costruiti, li conoscono e li amano.

Non vogliamo sederci ad ascoltare ancora una volta l’elenco di decisioni già prese il cui unico scopo è essere fedeli ad una logica di economicità e risparmio troppo distante dagli obiettivi su cui si fonda il nostro “fare” quotidiano con i bambini.

I Cobas condividono completamente la posizione delle maestre, in particolare in quest’ultimo passaggio dove si può riconoscere la situazione di moltissimi dei servizi intaccati dalla recente (ed ancora inconclusa… un vero supplizio imposto!) riorganizzazione.

“Continuiamo a sperare che ci sia un futuro possibile per i nostri servizi che rinasca dall’impegno reciproco ad ascoltare e le assicuriamo che il giorno in cui questa possibilità si paleserà noi ci saremo.

I Cobas autorganizzati ritengono che questo sia un ulteriore, grave segnale della demolizione di quelle professionalità e di quei servizi che una volta erano il fiore all’occhiello della città, con prospettive inquietanti per tutti quegli elementi fondamentali per le esigenze di lavoratori e cittadini che il “modello fucsia” proprio non concepisce e che la dirigenza si dimostra incapace di difendere.

Proprio per questo è importante il rifiuto delle maestre ad inginocchiarsi di fronte a ritualità finte ed ingannevoli: un gesto di dignità e onestà intellettuale che speriamo sia di esempio per tutti.

 Cobas Lavoratori autorganizzati del Comune di Venezia

 

Solidarietà al Presidente della Municipalità di Venezia, Murano e Burano – 28 aprile 2017

I Cobas autorganizzati del Comune di Venezia esprimono la propria totale e assoluta solidarietà al Presidente della Municipalità di Venezia, Murano e Burano Andrea Martini minacciato di morte nei giorni scorsi da qualche imbecille xenofobo che ancora oggi non accetta che il 25 aprile sia, prima di tutto, la festa della Resistenza e della Liberazione dal nazifascismo. Martini, con la sua lettera con cui chiedeva al sindaco di non concedere Piazza san Marco agli indipendentisti veneti, a nostro avviso, non ha fatto altro che difendere i dettami costituzionali e i valori democratici. A lui e a tutti quelli che come lui si battono per difendere i valori della nostra Costituzione diamo un abbraccio e un grazie di cuore.

Cobas Lavoratori autorganizzati del Comune di Venezia