IL TEMPO E’ SCADUTO: APPELLO ALLA CITTA’ CONTRO IL BILANCIO DEI COMMISSARI! 27 maggio 2015

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Il Commissario Zappalorto sta terminando il suo incarico e lo fa con l’approvazione del bilancio di previsione 2015, un ultimo importante atto politico, che dovrebbe spettare ad un Consiglio comunale democraticamente eletto e verso il quale la politica tutta, impegnata nella campagna elettorale, non ha dato segnali forti di opposizione.

Come cittadini e lavoratori veneziani  esprimiamo il nostro dissenso a questa ultima e scellerata decisione unilaterale che come sempre andrà a colpire le fasce più fragili della società, i servizi fondamentali ai cittadini e i lavoratori che li erogano, senza intaccare le rendite consolidate che da sempre proliferano indisturbate.

Nel contempo chiediamo che l’approvazione del bilancio 2015 sia assunta dalla prossima Amministrazione, come atto di responsabilità verso la città, nell’ottica di un’azione di riorganizzazione generale dell’ente comunale e dei servizi da questo erogati, attivando tutti gli istituti e gli strumenti di partecipazione più opportuni.

L’ultimo regalo del Commissario alla città sono una serie di delibere last-minute che prevedono una sfilza di aumenti a carico dei cittadini: dai biglietti e abbonamenti ACTV (adesso dovranno pagare anche i bambini dai 4 ai 6 anni!), all’aumento delle tariffe del trasporto scolastico, passando per l’aumento del ticket della ristorazione scolastica!

Ma anche per i lavoratori continuano ad arrivare pessime notizie da Roma: senza l’approvazione del decreto enti locali, che era atteso per ieri dal Commissario, invano,  proprio nella speranza di attenuare i tagli del Governo prima della presentazione del Bilancio, è quasi certa la riduzione della parte variabile dello stipendio di una cifra compresa tra i 100 e i 200€ mensili.

Invitiamo tutte e tutti ad essere presenti al Consiglio comunale per manifestare la nostra opposizione a questo ennesimo atto di iniquità  e per segnalare alla politica tutta che pretendiamo un cambio di passo concreto e reale, rilanciando i servizi alla Città, tutelando i lavoratori, rivendicando dal Governo quanto ci è dovuto e sanando sperperi non più sostenibili.

Appuntamento per tutta la città venerdì 29 maggio a Ca’ Farsetti alle ore 17

 

COBAS – Lavoratori autorganizzati del Comune di Venezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *