I dipendenti comunali si mettono in gioco: 150 candidature per le società partecipate

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

I dipendenti comunali rispondono positivamente all’appello lanciato dai Cobas: circa 150 candidature raccolte in pochi giorni per il rinnovo dei CdA delle società partecipate, istituzioni e Ipab che fanno capo al Comune di Venezia.
Molti dipendenti si mettono quindi in gioco per poter realmente cambiare le cose e contribuire a risollevare la grave situazione finanziaria in cui si trova il bilancio del Comune.
La richiesta al Sindaco e alla Giunta è di una reale trasparenza nella valutazione di tutte le candidature presentate e di un forte segnale di partecipazione del cittadino alla gestione della fetta più importante del Bilancio Comunale: i circa 300 milioni gestiti dalle società partecipate.
Ricordiamo infatti che il bilancio comunale è strettamente legato, o per meglio dire sovrastato dal bilancio delle sue partecipate: “Il Comune di Venezia su un totale di spese correnti di € 606 milioni ne gestisce direttamente € 66 milioni, il resto è esternalizzato, di fatto il Comune non ha alcun potere di governo” (è quanto dichiarato dal Commissario Zappalorto in occasione dell’incontro pubblico sul bilancio tenutosi presso il teatro -Toniolo lo scorso 2 marzo).

Ci fa rabbrividire pensare che il Comune sia solo un Ente che trasferisce risorse dalle sue casse alle casse di società, istituzioni, enti vari, senza possibilità di governo, e quindi senza alcuna responsabilità di controllo.

Guardando poi l’ultimo bilancio comunale, la voce “Acquisto di beni e servizi” pesa sulle spese correnti per il 64% (circa € 380 milioni) ed è aumentata di quasi € 100 milioni rispetto al bilancio di rendiconto del 2012. L’onere a carico del bilancio del Comune per i servizi esternalizzati, comprese le Istituzioni, pesa per quasi € 300 milioni sul bilancio! Dunque è ora di iniziare a tagliare questa grossa parte di voce di bilancio e porsi la domanda: davvero l’esternalizzazione dei servizi è conveniente per le casse del nostro Ente?

Le società partecipate che dipendono direttamente o indirettamente dal Comune di Venezia necessitano di una significativa riorganizzazione, di maggiori organi di controllo e alcune di queste potrebbero essere re-internalizzate con notevole risparmio per il Comune.

COBAS Autorganizzati Comune di Venezia

 

Il Corriere_13 settembre 2015

La nuova_13 settembre 2015

Gazzettino_13 settembre2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *