Resoconto dell’assemblea generale dei lavoratori del Comune di Venezia del 21 giugno 2016

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

L’Assemblea generale delle lavoratrici e dei lavoratori del Comune di Venezia, riunitasi martedì 21 giugno 2016 al Teatro Malibran, in considerazione della grave situazione in cui si trovano tutti i dipendenti e la mancata emanazione del cosiddetto “Salva Venezia” ha approvato all’unanimità i seguenti punti:

 

A) La RSU e le sigle sindacali hanno mandato pieno di pretendere dall’Amministrazione delle risposte positive alle 4 precondizioni necessarie per poter aprire la trattativa sul rinnovo del contratto decentrato.
In caso di risposte negative, la RSU e le sigle sindacali sono impegnate dal volere dei lavoratori ad agire di conseguenza con ogni mezzo a disposizione (dalle forme di lotta al ricorso ai mezzi legali).

Le 4 precondizioni, come già comunicato in precedenza sono:

1. Allocazione a bilancio delle risorse economiche necessarie alla copertura del turnover e del processo di deprecarizzazione (ancora pendente la richiesta unitaria da parte sindacale di convocazione di un tavolo sul tema).

2. Stanziamento nel fondo di produttività delle risorse economiche necessarie a portare il fondo al livello massimo consentito dalla normativa.

3. Applicazione per tutti i dipendenti dei contenuti del Contratto decentrato disdettato unilateralmente dall’AC e quindi sospensione immediata e per la durata della sessione negoziale, di tutti gli atti unilaterali da parte dell’AC nei confronti del personale e di utilizzo del fondo di produttività.

4. Pagamento della produttività organizzativa del primo semestre del 2016, secondo le regole del contratto disdettato, ma appunto ancora vigente.

 

B) In occasione del prossimo tavolo di trattativa con l’Amministrazione, previsto per LUNEDì 27/06/2016, alle ore 14:30, la RSU e le Sigle indirranno un PRESIDIO a Ca’ Farsetti, al quale sono caldamente invitati a partecipare tutti i dipendenti – precari compresi – per sostenere con la presenza fisica le rivendicazioni dei lavoratori e far percepire all’Amministrazione la pressione dei dipendenti;

 

C) La RSU e le sigle convocheranno un incontro pubblico invitando tutti i parlamentari veneti (di maggioranza e opposizione) per riprendere il dialogo con loro e avere un impegno concreto e formale da parte loro sul tema attenuazione delle sanzioni per lo sforamento del patto di stabilità (provvedimento c.d. “Salva Venezia”);

 

D) Sempre sul tema “Salva Venezia”, la RSU e le sigle chiederenno un incontro anche con il Prefetto di Venezia, rappresentante territoriale del Governo.

 

COBAS – Autorganizzati del Comune di Venezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *